Granducato ormai dedito all'agriturismo, B&B e ammennicoli vari

Rinnego tutto ciò che ho scritto, anzi, ritengo proprio di non averlo scritto io o forse si. Non ricordo.
Soffrendo di varie malattie che mi portano ad una distorsione della personalità, non posso essere ritenuto responsabile di quanto pubblicato.
E comunque, siete venuti sin quà per leggere qualcosina o per farmi causa?
"Azzo, come siete permalosi.


giovedì 19 gennaio 2012

LA PROFEZIA DI ADAM E HAWA


I moletaniani trovano fondamentalmente origine da tre distinti gruppo etnici: la stirpe Bizantina, la stirpe Mesopotamica  e la stirpe dei Mandei. Questi ultimi sono la minoranza in quanto rappresentano solo il 5% circa della attuale popolazione moletaniana;  il suddito Alfione, per esempio, ne fa parte.
Si racconta che un’esigua parte di quel popolo si sia stabilita in Moletania intorno al primo secolo d.c., a seguito della persecuzione di cui è stato fatto oggetto da parte dei primi cristiani.
Provenivano dalla attuale Siria, ma prima erano stati scacciati dalla Palestina e prima ancora erano fuggiti dall’Egitto;  essendo un popolo profondamente pacifico, la cui fede proibisce la guerra e lo spargimento di sangue,  praticamente tutti i popoli del nord Africa se li inchiappettavano a macchinetta e non li lasciavano campare .

Uno dei  loro libri sacri, lo “Hawan Gawaita”, è pieno di riferimento storici  ma anche di premonizioni.  Colui che è stato il loro ultimo “Capo del Popolo”, il nazoreo Adam Paghia,  venne in Moletania ormai 120 anni orsono e ne mostrò l’originale al mio avo, Rodolfo dei Falconieri Baffuti,  che ebbe la prontezza e l’intelligenza di estrarre copia di alcuni disegni e di alcuni scritti.

La copia è sempre stata conservata in una  apposita teca in biblioteca e, da ragazzino,  ogni tanto mi capitava di sbirciarla, con conseguenti rimproveri e bestemmioni da parte di mio padre. Era da molto che non la prendevo più in considerazione e ieri sera, casualmente, mi è ricapitata sotto gli occhi.
Il mio avo ricopiò diversi fogli e in particolare la profezia che leggerete. Forse è solo un gioco oppure è la premonizione di uno che beveva parecchio; io questo non lo posso e nemmeno lo voglio sapere.
Questa profezia, chiamata la profezia di Adam e Hawa, da sempre è stata oggetto delle attenzioni dei più famosi storici, filosofi, occultisti e persino della famosa Sibilla Moletaniana, ma nessuno di loro è mai riuscito a darle un senso compiuto.  
Io ve la riporto per come è stata trascritta

Verrà un giorno in cui la luce sarà buio, e il buio sarà pesto
Per i popoli il pesto sarà sodiato parecchio e nessuno si apparecchia
Sudata sarà la sola che ci prova con l’apparecchio, Ombra la soave
Arsa sarà l’Ombra soave sudata dal pesto sodiato e parecchio dell’apparecchio di Apecchio
E così tutto finirà in latrina

Alcuni   ritengono   che  la  profezia  sia  riferita  alla  fine  del mondo (il buio sarà pesto)  che sarà  causata dallo scontro di un aereomobile (apparecchio)  con la crosta terrestre (sodiato parecchio);   tale  scontro  provocherà un  incendio  di   vaste dimensioni  (arsa e sudata sarà),  che  si  propagherà  a tutti i boschi  circostanti (Ombra) e così verrà utilizzata tutta l’acqua del      pianeta      per  tentarne il suo spegnimento (latrina). E  tutti gli      uomini      morranno       per      disidratazione. Si salveranno solo gli abitanti di Apecchio.
Beati loro.





18 commenti:

  1. Pesto alla genovese o alla siciliana?

    RispondiElimina
  2. Per gli abitanti di Apecchio sarà un'APACCHIA! :P
    A me che sono valginese questa profezia mette ansia più di quella dei Maya :(

    RispondiElimina
  3. Per il Conte
    Rigorosamente alla genovese. Ca va sans dire.

    Per Grace
    Dopo aver letto la profezia mi ero messo in testa di comprare una casetta ad Apecchio, solo che ho reso nota la profezia troppo presto. Mizzica, vuoi sapere a quanto stanno gli immobili oggi ad Apecchio ? Fanno 8.000 al mq.
    Hai ragione tu, è proprio un'apacchia.

    Maya ? Perchè i maya ? cosa hanno fatto ultimamente che me lo sono perso ?

    RispondiElimina
  4. Nulla, hanno detto che i Magà ritroveranno presto le loro mamme e che l'intera umanità per questo motivo morirà per l'emozione O_o

    RispondiElimina
  5. Cara Grace,
    impareggiabile Regina, l'ho sempre detto io che a volte l'emozione fa dei brutti scherzi.
    Ma se muoiono per l'emozione di reincontrare la madre, cosa gli succede se incontrano Angelina Jolie ?

    Un abbraccio .

    RispondiElimina
  6. Il "buio sarà pesto" secondo me significa che ci sbatteremo tutti la faccia, pestandocela, e ci farà così male che non potremmo più mangiare, tanto vale non apparecchiare nemmeno; solo le ombre (beate) non si faranno male, perché in quanto ombre non potranno sbattere nulla contro il nulla, però gli rimarrà la sete ("arse dalla sete") perché per quella non serve apparecchiare, se uno c'ha sete beve anche dalla bottiglia, dalle mani a coppa, eccetera. L'apparecchio è quello per i denti, perché a sbatterci la faccia qualcosa di storto in bocca rimane sempre. La latrina finirà, sì, ma è logico, se uno non mangia più cosa vuoi che caghi?
    Elle, Lo Spirito filologo :)

    RispondiElimina
  7. Cara Elle,
    per quello che ne so io, la tua interpretazione potrebbe anche essere quella esatta.
    Figurati che l'ho fatta leggere alla Sibilla Moletaniana che lì per lì l'aveva presa per un discorso al Senato di Gasparri; poi si è accorta che era scritta tutta in fila dritta (e quindi non in strabichese) e ha cambiato subito idea.
    Allora ho provato a chiedere aiuto ad Alexander, il mio poeta di corte, che per poco non si dava la morte per soffocamento con la sua stessa tutina d'ordinanza.
    Però, secondo me, quando si parla di Ombra o si parla di una persona o si parla di un bicchiere di vino (in vulgare veneto).
    Invece, quella dell'apparecchio ortodontico potrebbe essere un'idea.
    Anzi, me la scrivo proprio. Grazie.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  8. Allora direi che le ombre non sentiranno male perché saranno ubriache, altro che arse dalla sete!

    RispondiElimina
  9. Granduca,ormai è appurato,che Moletania è la mia terra adottiva e prima o poi mi ci trasferirò.A me l'incontro di razze e di culture è sempre stato stimolo vitale, a differenza di come la pensano tanti padaniani.
    Comunque non era semplice riportare fedelmente le parole della profezia ( l'estensore, ritengo, sia un grande abituè della sigaretta ridens )e interpretarle così correttamente.
    Rispettosamente, mi inchino :)

    RispondiElimina
  10. Cara Elle,
    forse piano piano mi stai aiutando a risolvere l'enigma. Mi segno anche questa e poi provo a mettere tutto in fila per benino.

    Caro Black,
    ma tu non sei un padaniano, ormai questo è assodato. Sei troppo intelligente e d'altronde per uno che conosce l'uso della sigaretta ridens, non potrebbe essere altrimenti.
    Sono stato molto felice di sentirti.
    L'inchino è tutto mio.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  11. Forse per spiegare la profezia bisognerebbe chiederlo ai Buio pesto. Forse.

    RispondiElimina
  12. Io conosco un tipo che sarebbe capace di far finire il mondo per come porta la macchina, la profezia non dice "dove" avverrà... sono profondamente preoccupata!
    A me il buio PESTO fa paura, tanto quanto la calura. Thò, ci piazzo pure la rima.

    RispondiElimina
  13. Per Alberto
    Bella segnalazione. Poi ho visto che oltre ai Buio Pesto c'è anche Capitan Basilico, quindi chi meglio di loro ?

    Per Maraptica
    Tieni buono il tuo amico con quell'auto e speriamo che finisca prima la benzina che non il mondo.
    Hai fatto bene a piazzarci la rima, mi hai fatto venire in mente gli Skiantos: calura, cultura, verdura, dura.


    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  14. Pare che i maldei fossero usi a consumare peperoni imbottiti di strutto verso le 2 di notte e che poi si mettessero a scrivere...pare eh...mica sicuro

    RispondiElimina
  15. Ma cos'è? Qui non si scrive più?
    Non è che si è avverata la profezia ed io mi sono salvata perchè prodigiosamente son finita ad Apecchio?
    Granduca, dammi notizie :)

    RispondiElimina
  16. Per Baol
    Ma come fai a saperlo ? Chi te lo ha detto ? Lo hai letto su Wikipedia, di la verità !!!!
    Effettivamente ancora oggi in Siria, il piatto nazionale dei Mandei è il peperone ripieno di provolone o di strutto, che sono avvezzi a consumare nelle notti del primo quarto di luna.
    Bel colpo Baol, mi hai preso in castagna: questo mi ero dimenticato di scriverlo. E' un piacere avere lettori così attenti e collaborativi.


    Per Grace
    Scusami tanto, ma mi sono recato mooltooooo volentieri in visita diplomatica in Zupponia Inglese e mi sa che questa volta il loro dolce nazionale mi è rimasto un po indigesto.
    Comunque sempre meglio dei Peperoni ripieni dei Mandei.


    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so perchè il peperone imbottito di strutto E provolone alla maldea è uno dei miei piatti preferiti

      Elimina
  17. Caro Baol,
    ne ero certo. A chi non piace ? Approposito, ti dispiacerebbe se ti facessi cambiare professione, così per variare un po' ?
    Abbi fede: vedrai che non potrà mai essere peggiore di quella che eserciti attualmente.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina