Granducato ormai dedito all'agriturismo, B&B e ammennicoli vari

Rinnego tutto ciò che ho scritto, anzi, ritengo proprio di non averlo scritto io o forse si. Non ricordo.
Soffrendo di varie malattie che mi portano ad una distorsione della personalità, non posso essere ritenuto responsabile di quanto pubblicato.
E comunque, siete venuti sin quà per leggere qualcosina o per farmi causa?
"Azzo, come siete permalosi.


giovedì 15 novembre 2012

Mihaela


Mio figlio, da un suo recente viaggio in Italia,  mi ha portato un bellissimo quotidiano e un settimanale pieno di annunci. Su quest’ultimo ho trovato questa poesia, sapientemente suddivisa in vari trafiletti. La vorrei sottoporre al vostro giudizio, perché io personalmente la trovo molto profonda ed ermetica al punto giusto; eppure, al contempo, racchiude al suo interno termini desueti di  pascoliana memoria .
Anche se non ho capito esattamente il suo recondito significato.



VORREI CONOSCERE UOMINI CALDI ,FOCOSI E' PASSIONALE COME ME

CI RILASSEREMO IN DOLCI FUSIONI EROTICHE

Anche da te ho in Hotel

molto travolgente e sessuale

TRANS 100% NATURALE

NEW_________NEW________NEW(((((((FOTTO REALLE)))))))_______NEW_______NEW

Mio figlio sostiene essere opera di Papponi. 
Suppongo intenda Mihail Papponescu, poeta rumeno della prima decade del novecento, morto prematuramente per un blocco intestinale, causato dall’ingerimento involontario di 218 chilogrammi di malta bastarda premiscelata .

Mi dicono che per diventare Papponescu non è assolutamente necessario indicare nel proprio curriculum la conoscenza della lingua italiana, ma che sia molto più utile specificare l’abilità nel maneggiare benzina e altri liquidi infiammabili, nonchè un virile indomito coraggio nel picchiare le donne.
Ma la malta bastarda, quella resta sempre la prerogativa principale.

15 commenti:

  1. Eminentissimo,da umile ancella posso solo suggerirLe di non andare mai munito di arnesi incendiari.
    La sua mercanzia basta e avanza e poi...il fascino non è acqua!!!!
    Le consiglio di munirsi di qualche moneta d'oro o monile fatto in serie perchè la cosa potrebbe produrre risultati esaltanti.
    Abbandoni la pascoliana memoria, ma ripassi un po' D'annunzio...Le farò avere dal ciambellano di corte, l'ultimo libercolo arrivato alle cortigiane" Cento sfumature di grigio"... Non si tratta di un nuovo colore autunnale, vada sicuro.
    Confido nella sua discrezione , parta e spacchi, come un hamburger con il formaggio!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooooooooooooooooooooooooo. "Qualche decina di sfumatura di quel colore la", noooooooooooooooooooooooooooooo !
      Pietà.
      Piuttosto concedo il voto a tutto il sesso femminile di Moletania, per le prossime elezioni del nuovo assaggiatore di corte; a cui farò pure controllare Hamburger e formaggio, perchè non vorrei trovare delle sorprese.
      Cara ancella, ti invio un grande abbraccio ignifugo.

      Elimina
    2. Ricambio con devozione suprema.....

      Elimina
  2. Granduca, ma questo blog mi diventa una bomba letteraria all'ultimo grido, e con la HO maiuscola, per giunta!

    Io farei un giro di malta bastarda con flambé di benzina per tutti gli aspiranti papponeschi, così non avranno bisogno di indicare nulla sul curriculum. Naturalmente offro io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se offri tu, allora tutto cambia.
      Sai quanto noi moletaniani siamo attenti al risparmio; ma la malta bastarda è di facile preparazione, non aggrava il bilancio ed è di facile applicazione.
      E' vero; ha il difetto di essere poco digeribile, ma mica si può avere tutto dalla vita.
      La benzina costà 'na cifra e oggigiorno mica tutti se la possono permettere. Giusto i papponi.

      Un abbraccio.

      Elimina
  3. Ah, il grande Papponescu, le sue odi hanno fatto la storia...

    (Stiamo facendo a gara a chi latita di più dal blog dell'altro???)

    RispondiElimina
  4. Amico mio ,
    tu sai benissimo che il periodo è critico. Il Granciambellano mi marca a uomo perchè sostiene l'assoluta necessità dell'approvazione del bilancio preventivo di Moletania entro la fine del mese.
    Così io mi nascondo e cerco di non farmi trovare, perchè non ne ho proprio voglia mezza. Sai com'è, vero ?
    L'unica cosa che mi da soddisfazione sono proprio le impareggiabili odi poetiche dell'immenso Papponescu. Vuoi mettere?

    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  5. Ecco che emerge il mio, forse, abissale ignorantismo, in questa bellissima poesia di Mihail Papponescu non ho scorto alcun termine di pascoliana memoria.
    Trovo, invece, che il poeta rumeno sia molto originale e moderno.
    Che tu sappia, Granduca, c'è qualche sua raccolta in giro? Sai, si sta avvicinando il Natale e ho dei regali da fare :)

    Un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia Regina,
      il fanciullino pascoliano che è dentro di me, dopo aver letto il componimento poetico, ha iniziato a zompare di qua e di la dalla felicità.
      Ma che Lei abbia lacune poetiche, mi appare del tutto impossibile e quindi chino il capo di fronte al suo parere illuminante.
      L'unica raccolta che posseggo è in lingua originale, con traduzione a fronte in suomi.
      Se dovesse fare un bel regalo a un pescatore finlandese, dovrebbe andar bene.

      Un doveroso inchino, sua maestà.

      Elimina
    2. greis, ho capito ora la battuta sulla malta bastarda che ho letto da te :)

      sire, il video è ribaltante. fatico a sparare cazzate questa volta.
      un abbraccio
      marchese delle schiscette

      Elimina
  6. Gran componimento da erigere a inno nazionale, con la rima "sessuale/naturale" davvero riuscita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, c'è la rima.
      Non me n'ero nemmeno accorto.
      Però 'sto Papponescu, che genio incompreso. Meno male che ci sono lettori molto più attenti del sottoscritto.
      Sei veramente da ammirare.

      Elimina
  7. Fotto reale? ... allora è per te sire ;)

    RispondiElimina
  8. Gentile da parte di vostro figlio omaggiarvi con cotanta cultura, internazionale per giunta!
    Non so se vi sarà utile, ma mia nonna mi lasciò in eredità un ricettario preziosissimo che insegna a rendere digeribile anche la malta più bastarda.
    Vi abbraccio con riverenza

    RispondiElimina
  9. ^___^ povero Papponescu...si vede che non aveva ancora provato il Bifidus actiregularis!

    RispondiElimina